CLP

Regolamento (UE) n. 2019/521 del 27 marzo 2019
Adeguamento alla sesta e alla settima edizione riveduta del GHS. Oltre ad introdurre novità nelle classi di pericolo chimico fisico, modifica alcuni valori di soglia generici.
Modifica inoltre alcune indicazioni di pericolo e consigli di prudenza.
Entrata in vigore: 17 aprile 2019
Applicazione obbligatoria:
dal 17 ottobre 2020


 Regolamento (UE) n. 2018/1480 del 4 ottobre (XIII ATP)
Modifica alcuni aspetti formali della tabella 3 dell’Allegato VI del CLP, con effetto dal 1° dicembre 2019
Modifica della classificazione e etichettatura di talune sostanze dell’allegato VI del CLP, nonché l’inserimento di nuove sostanze con classificazione armonizzata.
Applicabile dal 20° giorno dalla data di pubblicazione: 25 ottobre 2018
Applicazione obbligatoria:
dal 1° maggio 2020
 Regolamento (UE) n. 2018/669 del 16 aprile 2018 (XI ATP)
Pubblicazione dell'Allegato VI con i nomi delle sostanze in tutte le lingue dell'Unione Europea. Non ci sono modifiche delle informazioni sulle sostanze già presenti in lista, nè nuovi inserimenti o cancellazioni.
Entrata in vigore: 24 maggio 2018
Applicazione obbligatoria: dal 1° dicembre 2019
  Regolamento (UE) n.2017/776 del 4 maggio 2017 (X ATP)
Modifica l'Allegato VI (elenco delle classificazioni armonizzate).
Applicabile dal 25 maggio 2017
Applicazione obbligatoria: dal 1° dicembre 2018
  Regolamento (UE) n.2016/1179 del 19 luglio 2016 (IX ATP)
Modifica della classificazione e etichettatura di talune sostanze dell’allegato VI del CLP, nonché l’inserimento di nuove sostanze con classificazione armonizzata.
Applicabile dal 20° giorno dalla data di pubblicazione: 11/08/2016.
Applicazione obbligatoria: dal 1° marzo 2018
Periodo transitorio: le classificazioni armonizzate possono applicarsi anteriormente alle date di applicazione obbligatoria
  Regolamento 2016/918 del 19 maggio 2016 (VIII ATP)
Il Regolamento implementa la quinta edizione del GHS.
Applicabile dal 20° giorno dalla sua data di pubblicazione.
Applicazione obbligatoria: 1° febbraio 2018
Periodo transitorio: fino al 1° febbraio 2020, per prodotti immessi sul mercato prima del 1° febbraio 2018 non è necessario riclassificare, né rietichettare o modificare gli imballaggi, se conformi al CLP applicabile fino al tale data.
 Regolamento (CE) n. 1272/2008 del 16 dicembre 2008
Questa è la versione consolidata del 30 dicembre 2015, con segnalibri.
Nuovi criteri di classificazione, etichettatura e imballaggio delle sostanze e miscele chimiche pericolose.
Applicabile dal 20° giorno dalla data di pubblicazione.
Applicazione obbligatoria:
1° dicembre 2010 per i fornitori di sostanze;
1° giugno 2015 per i fornitori di miscele.
Periodo transitorio:
le sostanze e le miscele possono essere classificate, etichettate e imballate in conformità del presente regolamento, rispettivamente, prima del 1° dicembre 2010 e del 1° giugno 2015.
Deroga:
fino al 1° dicembre 2012 non è obbligatorio riclassificare, rietichettare e reimballare le sostanze secondo CLP se immesse sul mercato prima del 1° dicembre 2010;
fino al 1° giugno 2017 non è obbligatorio riclassificare, rietichettare e reimballare le miscele secondo CLP se immesse sul mercato prima del 1° giugno 2015.
  Regolamento (UE) n.2015/1221 del 24 luglio 2015 (VII ATP)
Modifica della classificazione e etichettatura di talune sostanze dell’allegato VI del CLP, nonché l’inserimento di nuove sostanze con classificazione armonizzata.
Applicabile dal 20° giorno dalla data di pubblicazione.
Applicazione obbligatoria: dal 1° dicembre 2017.
Periodo transitorio: le classificazioni armonizzate possono applicarsi anteriormente alle date di applicazione obbligatoria.
  Regolamento (UE) n. 491/2015 del 23 Marzo 2015
Recante modifica del regolamento CLP ai fini dell’introduzione di indicazioni di pericolo e consigli di prudenza in croato e dell’adeguamento al progresso tecnico e scientifico.
  Regolamento (UE) n. 605/2014 del 5 giugno 2014 (VI ATP)
Aggiornamento delle tabelle linguistiche delle indicazioni di pericolo (H) e consigli di prudenza (P) introducendo le frasi in lingua Croata, con gli allegati I e II del presente regolamento.
Modifica della classificazione armonizzata di 9 sostanze, soppressione della sostanza INDEX 015-188-00-X ed inserimento di 14 nuove sostanze, con l’allegato III del presente regolamento.
Il Regolamento entra in vigore il 26 giugno 2014.
Applicazione obbligatoria:
le modifiche apportate dagli allegati I e II del presente regolamento si applicano a partire dal 1° dicembre 2014 per le sostanze e dal 1° giugno 2015 per le miscele;
le modifiche apportate dall’ allegato III del presente regolamento si applicano a partire dal 1° Aprile 2015, prorogata al 1° Gennaio 2016 (Regolamento 491/2015).
  Regolamento (UE) n. 944/2013 del 2 ottobre 2013 (V ATP)
Modifica della classificazione e etichettatura di talune sostanze dell’Allegato VI del CLP, nonché l’inserimento di nuove sostanze con classificazione armonizzata.
Applicabile dal 20° giorno dalla data di pubblicazione.
Applicazione obbligatoria:
dal 1° dicembre 2014 per i fornitori di sostanze;
dal 1° giugno 2015 per i fornitori di miscele.
Deroga:
fino al 1° dicembre 2016 non è obbligatorio rietichettare e reimballare le sostanze, classificate secondo CLP e immesse sul mercato prima del 1° dicembre 2014;
fino al 1° dicembre 2017 non è obbligatorio rietichettare e reimballare le miscele, classificate secondo la Direttiva 1999/45/CE e immesse sul mercato prima del 1° giugno 2015.
Periodo transitorio: le classificazioni armonizzate possono applicarsi anteriormente alle date di applicazione obbligatoria.
 Regolamento (UE) n. 758/2013 del 7 agosto 2013
Rettifica della classificazione etichettatura di talune sostanze contenute negli allegati I, II, IV e V del Regolamento 790/2009.
Applicazione obbligatoria: dal 13° agosto 2013.
I fornitori comunque non sono tenuti a rietichettare e reimballare le sostanze già immesse sul mercato a norma del Regolamento CLP, prima dell’entrata in vigore del presente regolamento.
 Rettifica Direttiva 2013/10/UE del 20 marzo 2013
Rettifica dell’articolo 3 della Direttiva 2013/10/UE relativa agli aerosol non infiammabili, infiammabili e estremamente infiammabili.
Applicabile dal 20° giorno dalla data di pubblicazione.
Applicazione obbligatoria:
dal 19 giugno 2014 per i generatori aerosol contenenti sostanze;
dal 1° giugno 2015 per i generatori aerosol contenenti miscele.
Periodo transitorio:
i generatori aerosol contenenti miscele possono essere etichettati in conformità del presente regolamento prima del 1° giugno 2015;
fino al 1° giugno 2017 non è obbligatorio rietichettare i generatori aerosol contenenti miscele, immessi sul mercato prima del 1° giugno 2015.
  Direttiva 2013/10/UE del 19 marzo 2013
Modifica della Direttiva 75/324/CEE, relativa agli aerosol non infiammabili, infiammabili ed estremamente infiammabili.
Previste novità da riportare nell'etichettatura di generatori di aerosol: nuova indicazione di pericolo, frasi di prudenza obbligatorie e nuove disposizioni per le avvertenze.
  Regolamento (UE) n. 487/2013 dell’8 maggio 2013 (IV ATP)
Le disposizioni tecniche e i criteri degli allegati al Regolamento CLP vengono adeguati alla quarta edizione del GHS: introdotte nuove categorie di pericolo per i gas e gli aerosol; razionalizzazione dei consigli di Prudenza P; soppressione dell’indicazione di pericolo supplementare EUH006 ed esenzioni per l’etichettatura di determinati imballaggi.
Applicabile dal 20° giorno dalla data di pubblicazione.
Applicazione obbligatoria:
1° dicembre 2014 per i fornitori di sostanze;
1° giugno 2015 per i fornitori di miscele.
Periodo transitorio:
le sostanze e le miscele possono essere classificate, etichettate e imballate in conformità del presente regolamento, rispettivamente, prima del 1° dicembre 2014 e del 1° giugno 2015.
Proroga:
le miscele classificate, etichettate e imballate secondo la Direttiva 1999/45/CEE e immesse sul mercato prima del 1° giugno 2015 non devono essere rietichettate e reimballate in conformità di tale regolamento fino al 1° giugno 2017.
  Regolamento (UE) n. 618/2012 del 10 luglio 2012 (III ATP)
Adeguamento alla terza edizione del GHS. Modifica della classificazione e etichettatura di talune sostanze dell’allegato VI del CLP.
Applicabile dal 20° giorno dalla data di pubblicazione.
Applicazione obbligatoria: 1° dicembre 2013.
  D.Lgs. 186 del 27 ottobre 2011
Disciplina sanzionatoria nazionale Sanzioni in caso di violazione dei principi delle disposizioni del regolamento CLP.
  Regolamento (UE) n. 286/2011 del 10 marzo 2011 (II ATP)
Adeguamento alla seconda edizione del GHS. Modifica della classificazione e etichettatura di talune sostanze dell’allegato VI del CLP. Aggiunte nuove indicazioni di pericolo H, nuovi criteri di classificazione e etichettatura, soppressa l’indicazione di pericolo supplementare EUH066 e sostituita con la nuova indicazione di pericolo H420.
Applicabile dal 20° giorno dalla data di pubblicazione.
Applicazione obbligatoria:
1° dicembre 2012 per i fornitori di sostanze;
1° giugno 2015 per i fornitori di miscele.
Periodo transitorio:
le sostanze e le miscele possono essere classificate, etichettate e imballate in conformità del presente regolamento, rispettivamente, prima del 1° dicembre 2012 e del 1°Giugno 2015.
Deroga:
fino al 1° dicembre 2014 non è obbligatorio riclassificare, rietichettare e reimballare le sostanze secondo il presente regolamento, se immesse sul mercato prima del 1° dicembre 2012 e se classificate in conformità del regolamento CLP;
fino al 1° giugno 2017 non è obbligatorio riclassificare, rietichettare e reimballare le miscele secondo il presente regolamento, se immesse sul mercato prima del 1° giugno 2015 e se classificate in conformità del regolamento CLP o della Direttiva 1999/45/CEE.
  Regolamento (CE) n. 790/2009 del 10 agosto 2009 (I ATP)
Modifica della classificazione ed etichettatura di talune sostanze dell’Allegato VI del CLP, nonché la soppressione di dieci sostanze.
Applicazione obbligatoria: 1° dicembre 2010.

SOSTANZE E PREPARATI PERICOLOSI

 

  DSD: Direttiva 2006/121/CE del 18 dicembre 2006
Adeguamento della 67/548/CEE al Regolamento REACH.


  DSD: Direttiva 2004/73/CE del 29 aprile 2004
Classificazione ed etichettatura delle sostanze pericolose al suo 29° adeguamento.
Nota: allegato I abrogato dal CLP!


  DSD: Direttiva 1967/548/CEE del 27 giugno 1967
Classificazione ed etichettatura delle sostanze pericolose.


  Decreto legislativo n. 65 del 14 marzo 2003
Recepimento nazionale DSD e DPD • sanzioni • modalità di invio informazioni sui preparati pericolosi all’ISS.


  DPD: Direttiva 1999/45/CE del 31 maggio 1999
Classificazione ed etichettatura delle miscele pericolose, consolidata fino al dicembre 2008 (CLP).